Piano Operativo di Sicurezza P.O.S.

A partire da € 109.00

Il Piano Operativo di Sicurezza, più conosciuto attraverso l’acronimo POS, è un documento previsto dall’articolo 17 del D.lgs. 81/08, ossia dal Testo unico per la sicurezza sul lavoro (TUSL). È obbligatorio che tutte le imprese esecutrici di un cantiere edile redigano, prima d’iniziare i lavori, il proprio POS. Le specifiche del Piano Operativo di Sicurezza sono contenute nell’Allegato XV del TUSL.

Tempo di evasione: 24-48h

DATI COMPILATORE





ANAGRAFICA COMMITTENTE








IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA PRINCIPALE



ANAGRAFICA DI CANTIERE










ANAGRAFICA IMPRESA CHE ESEGUE I LAVORI









LAVORAZIONI SVOLTE






ORGANIGRAMMA IMPRESA CHE ESEGUE I LAVORI

Datore di lavoro, RSPP e RLS














Medico competente







ADDETTI ANTINCENDIO

Addetto 1








Addetto 2








Addetto 3









ADDETTI 1° SOCCORSO

Addetto 1








Addetto 2








Addetto 3









ADDETTI PREPOSTI

Addetto 1








Addetto 2








Addetto 3









ELENCO MACCHINE E ATTREZZATURE



LAVORAZIONI SVOLTE DA SUB-APPALTATORI

Chi deve redigere il POS?
Il compito di redigere il POS spetta al datore di lavoro. Il documento deve riportare necessariamente una serie di informazioni e contenuti minimi, relative al cantiere nel quale opera l’impresa e valutazioni precise dei rischi ai quali sono sottoposti i lavoratori. Il Piano Operativo di Sicurezza non è, tuttavia, un semplice adempimento amministrativo o un inutile orpello burocratico. Il documento deve essere considerato dagli addetti dell’impresa come un prezioso vademecum contenente utili indicazioni per prevenire, o limitare al massimo, i rischi per la salute dei lavoratori. Il POS, inoltre, deve fornire, in maniera dettagliata, tutte le prassi che gli addetti dell’impresa devono seguire per mantenere alti i livelli di sicurezza in cantiere.


Redigere un POS: quali sono i contenuti minimi che deve contenere il documento?
Seguendo quanto riportato nell’Allegato XV del TUSL, un Piano Operativo di Sicurezza deve contenere:
a) i dati identificativi dell’impresa esecutrice. Si tratta della voce più corposa perché deve comprendere:
il nominativo del datore di lavoro, gli indirizzi e i riferimenti telefonici della sede legale e degli uffici di cantiere;
la specifica attività e le singole lavorazioni svolte in cantiere dall’impresa esecutrice e dai lavoratori autonomi subaffidatari;
i nominativi degli addetti al pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori e, comunque, alla gestione delle emergenze in cantiere, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, aziendale o territoriale, ove eletto o designato;
– il nominativo del medico competente ove previsto;
– il nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
– i nominativi del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere;
– il numero e le relative qualifiche dei lavoratori dipendenti dell’impresa esecutrice e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere per conto della stessa impresa;
b) le specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da ogni figura nominata allo scopo dall’impresa esecutrice;
c) la descrizione dell’attività di cantiere, delle modalità organizzative e dei turni di lavoro;
d) l’elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere provvisionali di notevole importanza, delle macchine e degli impianti utilizzati nel cantiere;
e) l’elenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere con le relative schede di sicurezza;
f) l’esito del rapporto di valutazione del rumore;
g) l’individuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel PSC quando previsto, adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere;
h) le procedure complementari e di dettaglio, richieste dal PSC quando previsto;
i) l’elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori occupati in cantiere;
l) la documentazione in merito all’informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori occupati in cantiere.


Dove scaricare l’Elaborato Planimetrico?
A chiusura e completamento dell’ordine, viene inviata una e-mail di conferma contenente un link al sito Pratitek.it. Una volta effettuato l’accesso all’interno della propria pagina personale, inserendo i dati forniti in fase d’iscrizione, si avrà accesso allo storico dei documenti ordinati, sempre visionabili e scaricabili. Quest’area potrà essere utilizzata come Archivio personale.

Il pagamento può essere effettuato tramite:

– Carta di Credito (VISA, MASTERCARD, AMERICAN EXPRESS)

– Carta POSTEPAY

– Sistema PAYPAL

– Bonifico Bancario.