Certificazione energetica APE

89.00

La Certificazione Energetica Ape (Attestato di Prestazione Energetica) contiene la “targa energetica” che sintetizza le caratteristiche dell’immobile. Scegli la Certificazione Energetica Online per ottenere la tua APE in modo veloce ed economico.

Tempo di evasione: 3 giorni

Documenti richiesti

Prima di procedere con l’invio definito dell’ordine, verrà richiesto di allegare il Libretto della Caldaia. E’ possibile allegare il file in formato PDF in qualsiasi momento, dopo aver salvato l’ordine nel carrello. Solo dopo aver allegato il file si potrà procedere con l’acquisto del servizio.

****

“Il Sottoscritto, compilando il primo campo di seguito, dichiara, sotto la propria personale responsabilità, di essere il proprietario dell’immobile o delegato dallo stesso ai sensi dell’articolo 1 comma 369 della Legge 311/2004, conferisce espresso incarico all’Ing. Francesco Tripicchio, titolare di Pratitek.it, di prelevare per proprio conto, la Planimetria richiesta in modalità telematica, per la redazione di atti tecnici di aggiornamento del catasto edilizio urbano o di adempimenti connessi alla stipula di atti relativi l’immobile, nei limiti di quanto disposto dagli art 1-2 del provvedimento 16 settembre 2010”.

Titolare immobile o avente diritto

*
*
*

Dati catastali immobile

*
*
*
*
*

Caratteristiche immobile

*
*
*
*
*
*
*
*
COD: GENIE-84 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Certificazione Energetica (APE – Attestato di Prestazione Energetica).

Attraverso la compilazione del modulo in tutte le sue parti verrà informato il Tecnico dei dati utili alla redazione della Certificazione Energetica , non è necessario allegare nessuna planimetria, attraverso i dati catastali inseriti scarichiamo la planimetria corrispondente dal Catasto senza alcun costo aggiuntivo.

E’ importante indicare un numero telefonico dove il tecnico incaricato potrà contattarvi per richiedere ulteriori informazioni e per accordi relativi al sopralluogo.

Nel campo “note eventuali” si può inserire tutto ciò che si ritiene opportuno indicare, consigliamo vivamente di inserire, se sono stati fatti interventi di riqualificazione energetica o se l’immobile ha già delle caratteristiche utili al risparmio energetico.

Esempio: infissi con doppi vetri, vetro camera, coibentazioni sia delle pareti che del soffitto, caldaia a condensazione e tutto ciò che riguarda il risparmio energetico.

Indicare, inoltre, il piano dell’immobile, la scala e l’interno, nel caso di appartamenti collocati in condomini informazione utile a determinare la categoria per la Certificazione Energetica.

A cosa serve l’Attestato di Prestazione energetica?

Con la pubblicazione in Gazzetta del Decreto 63/2013, l’ Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è stato sostituito dall’ Attestato di Prestazione Energetica ( Certificazione APE o Certificato Energetico ).

Attraverso l’istituzione del nuovo attestato, il decreto – lo Stesso che ha innalzato al 65% la detrazione per risparmio energetico ( Pratica ENEA che è possibile richiedere sul nostro sito) ed introdotto il “bonus mobili” per chi ristruttura casa – spiana la strada a nuove metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici.

Così avviandosi al pieno recepimento della Direttiva Europea 31/2010.

Che cos’è l’Attestato di Prestazione Energetica?

L’ APE è il risultato di una procedura di calcolo che permette di valutare il rendimento energetico di un edificio al fine di valutare quanta energia viene dispersa rispetto a quella che è stata utilizzata per tenere lo stesso in condizioni di comfort (D.L. n. 63/2013 convertito in L. n. 90/2013), ovvero è «il documento, redatto e rilasciato da esperti qualificati e indipendenti che attesta la prestazione energetica di un edificio attraverso l’utilizzo di specifici descrittori e fornisce raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza relativa all’energia».

Quando va fatta la certificazione?

Fac-simile di APESecondo la normativa vigente, in particolare nel D.M. 26/06/2015 (Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici) e nel DM in conformità alla direttiva europea, l’APE va realizzato dal 1° Luglio 2009 in caso di compravendita di immobili e dal 1° Luglio 2010 in caso di locazione. Dal Gennaio 2012 negli annunci innobiliari vanno inseriti gli indici di prestazione energetica (valore in kwh/mq anno).

Con la Legge 90/2013 è stato ulteriormente chiarito quando è obbligatorio redigere l’Attestato, approfondisci su questa pagina: quando fare l’attestato energetico.

Chi redige l’APE?

L’APE viene redatto da un “soggetto accreditato” chiamato certificatore energetico. La formazione, la supervisione e l’accreditamento dei professionisti viene gestita dalle Regioni con apposite leggi locali. Circa la metà delle Regioni italiane ancora non hanno adottato delle normative proprie, in questo caso la legge vigente è quella nazionale (DLgs. 192/05). Dal 1 Ottobre 2015 la normativa promuove di redigere gli APE secondo organizzazione, controllo e metodi nazionali.

Il certificatore energetico è solitamente un tecnico abilitato alla progettazione di edifici ed impianti come l’architetto, l’ingegnere ed il geometra. Il certificatore può essere considerata una nuova professione, vedi come diventare certificatore energetico.

Come viene redatto?

Viene effettuata una analisi energetica dell’immobile, valutate le caratteristiche delle murature e degli infissi, i consumi, la produzione di acqua calda, il raffrescamento ed il riscaldamento degli ambienti, il tipo di impianto, eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile. In seguito il Certificatore compila il documento e rilascia la Targa Energetica che sintetizza le caratteristiche energetiche dell’immobile. L’ APE va conservato con il libretto della caldaia e consegnato al nuovo proprietario o al locatario.

Perchè fare il certificato energetico?

L’APE è, come detto precedentemente, obbligatorio per legge. Le sue principali finalità sono:

Strumento per valutare la convenienza economica dell’acquisto e della locazione di un immobile in relazione ai consumi energetici

Strumento per consigliare degli interventi di riqualificazione energetica efficaci

Nonostante, per le costruzioni esistenti possa sembrare una mera pratica burocratica, l’ APE è un documento che comporterà notevoli vantaggi nei prossimi anni. In particolare ci sarà:

Aumento del valore di un immobile con consumi energetici bassi al momento della vendita o dell’affitto. Risparmio sulla bolletta e maggior comfort di una casa realizzata con i dettami dell’ edilizia ad alto risparmio energetico.

Incentivazione alla costruzione di edifici ad alto rendimento energetico e ristrutturazioni energetiche con evidenti miglioramenti del livello di inquinamento da anidiride carbonica CO2.

Differenza tra APE (attestato di prestazioneenergetica) e AQE (attestato di qualificazione energetica)

Una prima importante differenza sta nel soggetto che redige il documento: L’ AQE può essere redatto dal progettista o dal direttore dei lavori, quindi da un tecnico abilitato che ha già avuto un ruolo nei lavori. Viene rilasciato dal costruttore e consegnato al comune insieme alle documentazioni per il rilascio della dichiarazione di fine lavori. L’ APE invece va redatto da un Certificatore Abilitato ed indipendente.

Seconda differenza sta nel fatto che nelll’ AQE non è specificata la classe energetica dell’edifico. E’ un documento che secondo il dlgs 311/06 doveva sostituire temporaneamente l’ APE, in attesa che le regioni emettessero i decreti attuativi specifici.

Come avviene la consegna dell’ APE?

A chiusura e completamento dell’ordine, viene inviata una e-mail di conferma contenente un link al sito Pratitek.it. Una volta effettuato l’accesso all’interno della propria pagina personale, inserendo i dati forniti in fase d’iscrizione, si avrà accesso allo storico dei documenti ordinati, sempre visionabili e scaricabili. Quest’area potrà essere utilizzata come Archivio personale.

Modalità di pagamento

Il pagamento può essere effettuato tramite:

– Carta di Credito (VISA, MASTERCARD, AMERICAN EXPRESS)

– Carta POSTEPAY

– Sistema PAYPAL

– Bonifico Bancario.